Assenteismo dal Lavoro | Fidelya Investigazioni - Investigazioni Aziendali [Investigatore Privato]
16017
page-template-default,page,page-id-16017,page-child,parent-pageid-16643,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,overlapping_content,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

Assenteismo Dal Lavoro

Indagine affinché venga evidenziata la condotta scorretta del dipendente

Per assenteismo dal lavoro si intende il comportamento del lavoratore che si assenta abitualmente o in modo frequente, dal posto di lavoro per un arco di tempo di più giorni per propria volontà e/o in modo ingiustificato.
In Italia è sempre più diffuso il fenomeno dell’assenteismo dal posto di lavoro sia nel settore pubblico che privato.
Una delle principali cause di assenza ingiustificata dal posto di lavoro è quella della malattia (vera o finta) e le motivazioni dell’assenteismo possono essere varie come ad esempio il cattivo clima nell’ambiente lavorativo, la mancanza di comunicazione con i colleghi e/o i superiori, o la disaffezione emotiva dal lavoro. Come conseguenza a queste situazioni, può capitare che il dipendente assenteista svolga un secondo lavoro ed a volte questo sia proprio in concorrenza con l’azienda per cui lavora.

Fidelya Investigazioni garantisce un’accurata indagine affinché venga evidenziata la condotta scorretta del dipendente, infatti secondo la normativa italiana spetta al datore di lavoro provare la giusta causa del licenziamento e questa deve essere grave al punto da ledere il vincolo fiduciario tra il dipendente e il datore di lavoro.

Approfondisci

Al fine di poter garantire un pieno controllo dei dipendenti in malattia o infortunio, l’investigatore privato può essere la soluzione per svolgere il compito di sorvegliare “il malato” e di verificare quindi che il soggetto in questione non svolga altre attività lavorative: le visite fiscali non possono garantire una verifica costante della situazione. L’investigatore infatti può raccogliere  anche le prove di un ipotetico secondo lavoro del dipendente assenteista, così da permettere all’azienda di poter ottenere il licenziamento per assenteismo.

Il dipendente assenteista, privato e/o pubblico, grava non solo sui costi dell’azienda ma anche sui costi della comunità e peggiora le condizioni generali di lavoro.

Alcuni esempi di assenteismo dal lavoro sono:

– Permessi retribuiti.

– Permessi per malattia (anche di un solo giorno, ad esempio in prossimità di ponti o festività).

– Periodi di aspettativa per motivi personali.

– Assenze ingiustificate o coperte da altri colleghi.

– Arrivare sistematicamente in ritardo al lavoro o non rispettare l’orario minimo di lavoro.

Aspetto Giuridico

Esistono due tipologie di licenziamento: quello per giusta causa e quello per giustificato motivo.

Il lavoratore assenteista può essere licenziato per giusta causa (quindi senza preavviso) nel caso in cui la sua condotta sia ritenuta talmente grave da non consentire la prosecuzione del lavoro, neppure provvisoria, in quanto è venuto meno il vincolo fiduciario tra lavoratore e datore di lavoro.

Per quanto riguarda il licenziamento per giustificato motivo, invece, può essere di tipo soggettivo, quando si verifica un notevole inadempimento degli obblighi contrattuali da parte del lavoratore, oppure di tipo oggettivo, per ragioni inerenti all’attività produttiva, all’organizzazione del lavoro e al regolare funzionamento dell’azienda. Quindi il semplice fatto di essere stati assenti dal lavoro non comporta necessariamente il licenziamento.

Esistono infatti casi in cui il lavoratore potrebbe essersi assentato dal lavoro per malattia e aver inoltrato il certificato medico e la lettera giustificativa al suo superiore.

In altri casi, invece, potrebbe aver usufruito di una finta malattia per andare a lavorare da un’altra parte, rendendosi quindi reo di un comportamento talmente grave da legittimare il licenziamento. Oppure potrebbe aver optato per un “assenteismo tattico” (così identificato dalla Corte di Cassazione con la Sentenza n. 18678 del 4 settembre 2014), reiterando assenze, anche all’interno dello stesso mese, sempre agganciate ai giorni di riposto dal lavoro, rendendo di fatto la sua prestazione lavorativa inadeguata sotto il profilo produttivo e quindi pregiudizievole per la sua azienda.

Fydelia Investigazioni al Servizio della Vostra Sicurezza in tutta Italia.