Pedofilia | Fidelya Investigazioni - Investigazioni Penali [Investigatore Privato]
16263
page-template-default,page,page-id-16263,page-child,parent-pageid-15999,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,overlapping_content,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

Antipedofilia

Investigazione rivolta alla prevenzione e al contrasto di questo fenomeno

La pedofilia è una forma di devianza sessuale che consiste nell’attrazione sessuale da parte di un soggetto sessualmente maturo nei confronti di soggetti che invece non lo sono ancora, cioè in età pre-puberale, ossia bambini o preadolescenti non ancora sviluppati fisicamente.

Benché non ci sia un limite d’età ben preciso, perché esso varia da persona a persona e da cultura a cultura, nel mondo occidentale tale limite oscilla generalmente tra i 12 e 15 anni. Uno degli strumenti innovativi introdotti dalla Legge n. 269/98 riguarda l’attività di investigazione rivolta alla prevenzione e al contrasto dell’utilizzo della rete web come strumento di sfruttamento a sfondo sessuale e pedo-pornografico del minore.

Fidelya Investigazioni è in grado di svolgere attività di indagine con i suoi investigatori, sia nella sfera privata delle persone sia nel mondo virtuale grazie ai suoi esperti informatici, alla ricerca di prove (come ad esempio filmati e/o fotografie) in internet e nel deep web ( Web sommerso: l’insieme delle risorse informative del World Wide Web non segnalate dai normali motori di ricerca). Al termine del mandato verranno fornite prove efficaci e valide anche in sede legale.

Approfondisci

In Italia, Secondo i dati raccolti da Telefono Azzurro e pubblicati nel Rapporto Nazionale sulla Condizione dell’Infanzia e dell’Adolescenza, quasi il 60% degli abusi su minori avviene in famiglia. Nel panorama internazionale emerge che in Francia e in Inghilterra i minorenni vittime di abuso sessuale sono molto più numerosi, ma ciò che preoccupa in Italia è il “sommerso”: è probabile, infatti, che alcune situazioni di abuso non arrivino alla denuncia.

Recenti ricerche hanno contribuito a definire due profili distinti: coloro che si limitano alla detenzione e allo scambio di materiale pedo-pornografico e coloro che, oltre a detenere questo materiale, cercano di coinvolgere bambini e adolescenti direttamente in atti sessuali sia virtuali attraverso la rete (video chat) sia ad intraprendere relazioni sessuali con adolescenti al di fuori della rete.
Secondo uno studio dell’Università di Lancashire (2003), sono ipotizzabili cinque fasi dell’adescamento online:
– Formazione dell’amicizia;
– Formazione del rapporto di fiducia ;
– Valutazione del rischio di essere scoperto;
– Fase della relazione esclusiva;
– Fase sessuale vera e propria.

Aspetto Giuridico

Il Decreto Legislativo 39 del 4 marzo 2014, emanato in attuazione della direttiva 2011/93/UE contro la pedofilia, contiene una serie di modifiche alle norme esistenti, al fine di inasprire la lotta contro l’abuso e lo sfruttamento sessuale dei minori e la pornografia minorile.
Con dichiarazione stampa del 28 marzo 2014, la CEI ha ribadito che sussiste un obbligo morale di cooperare con le autorità, ma dal punto di vista del diritto canonico nessun obbligo di denuncia alle autorità civili e penali dei casi di pedofilia, perché non nell’ordinamento italiano l’obbligo è in capo ai soli pubblici ufficiali e non al cittadino comune e i membri delle gerarchie ecclesiastiche non rivestono la qualifica di pubblici ufficiali: resta agli ordinamenti penali dei singoli Stati la facoltà di imporre l’obbligo di denuncia per specifici reati, come quelli sessuali, estendendo l’obbligo a tutti i cittadini, compresi i sacerdoti delle diverse confessioni religiose.

Fydelia Investigazioni al Servizio della Vostra Sicurezza in tutta Italia.