Conferma Alibi E Rintraccio Testimoni | Fidelya Investigazioni - Investigazioni Private [Investigatore Privato]
16011
page-template-default,page,page-id-16011,page-child,parent-pageid-15999,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,overlapping_content,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

Conferma Alibi E Rintraccio Testimoni

Garantiamo un’accurata attività di ricerca al fine di individuare e reperire i testimoni e confermare gli alibi

Conferma alibi e rintraccio testimoni: non di rado, durante le controversie legali, può presentarsi la necessità di rintracciare dei testimoni che siano in grado, attraverso la propria deposizione, di comprovare l’autenticità delle affermazioni e dei fatti indispensabili per il buon esito della causa che si sta dibattendo.

Grazie all’esperienza ed alle competenze maturate della sua rete di professionisti, Fidelya Investigazioni garantisce un’accurata attività di ricerca e di studio per ogni specifico caso, al fine di individuare e reperire le persone in grado di attestare la veridicità di fatti e circostanze.

Approfondisci

La testimonianza è la prova più importante nella dichiarazione che viene resa da un terzo, durante un interrogatorio, su fatti dei quali sia venuto a conoscenza, oggetto del giudizio in corso, ad esso ricollegabili o, comunque, rilevanti ai fini processuali.

Aspetto Giuridico

Ogni cittadino può essere citato quale testimone in un processo penale; ai sensi dell’articolo 198 codice di procedura penale (“obblighi del testimone”) la persona citata come testimone in un processo penale ha l’obbligo di presentarsi al giudice e di rispondere secondo verità alle domande che gli sono rivolte.

Le dichiarazioni assunte dal difensore dell’indagato nell’ambito di attività di investigazione difensiva hanno lo stesso valore probatorio astratto delle dichiarazioni acquisite dal Pm, salva la valutazione di attendibilità intrinseca dei dichiaranti” (Cass. Pen., Sez. II, 22 Novembre 2007 n. 43349).

Il principio generale della fase della valutazione della prova è quello del libero convincimento del giudice, non nel senso che il giudice possa arbitrariamente scegliere quale sia la ricostruzione del fatto che ritiene più consona rispetto allo svolgimento dell’istruttoria, ma piuttosto nel senso che lo stesso – nel rispetto del limite dell’onere di motivazione (articolo 192 codice di procedura penale) – è libero di determinare la credibilità delle fonti e l’attendibilità delle rappresentazioni che queste fonti hanno portato nel processo, in conformità alle regole che sono stabilite dal codice di procedura penale e senza la presenza di prove legali.

Fydelia Investigazioni al Servizio della Vostra Sicurezza in tutta Italia.