Estorsione | Fidelya Investigazioni - Investigazioni Private [Investigatore Privato]
16009
page-template-default,page,page-id-16009,page-child,parent-pageid-15999,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,overlapping_content,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

Estorsioni

Garantiamo la serietà e la tutela necessaria nella gestione e nel trattamento di questa problematica

L’estorsione è un reato sanzionato dall‘art. 629 del codice penale, e consiste in quelle azioni con cui qualcuno, ricorrendo a metodi intimidatori come violenza e/o minacce, costringe uno o più individui a compiere od omettere atti, al fine di trarne un profitto a danno di altri.

Essendo un’attività illecita e tipica delle più astute ed esperte organizzazioni criminali, non sempre risulta facile, senza opportuni strumenti e cautele, l’acquisizione delle prove necessarie da presentare all’Autorità giudiziaria.
Un altro tipo di estorsione può essere quella in seguito ad un ricatto di divulgazione di materiale privato e sensibile come ad esempio foto o filmati privati: con l’aumento di dispositivi tecnologici tra la popolazione (esempio cellulari, macchine fotografiche) vi è anche un aumento di condivisione e diffusione di file sensibili.
Fidelya Investigazioni, grazie alla tangibile esperienza maturata dai suoi professionisti, garantisce la serietà e la tutela necessarie nella gestione e nel trattamento di questa problematica, fino alla sua completa risoluzione davanti agli organi competenti.

Approfondisci

A tali temi è dedicato il presente studio, che vorrebbe, aggiungere ai principi dottrinari e giurisprudenziali, le regole di un corretto ed efficace comportamento.

L’estorsione consiste nel costringere qualcuno attraverso minacce o violenza, a fare, o non fare, qualcosa allo scopo di ottenere, per sé o per altri, un beneficio non dovuto, beneficio di solito costituito da un guadagno economico.
Il profitto così ottenuto è ovviamente ingiusto, in quanto non previsto né tutelato dall’ordinamento giuridico. I profitti ricavati dall’estorsione sono numerosi, e variano dal più conosciuto fenomeno del “pizzo”, prassi quest’ultima oramai fortemente radicata nel territorio, a comportamenti intimidatori commessi ai danni di un singolo individuo, dal dipendente all’anziano inconsapevole, questo atto colpisce chiunque.
Chi ne è vittima per prima cosa deve rivolgersi alle forze dell’ordine e sporgere una denuncia.
Inoltre, il nostro ordinamento giuridico è molto “dettagliato” e se un aspetto non rispecchia del tutto quanto previsto dal codice penale o si discosti dall’interpretazione della Cassazione può accadere che l’accusa stessa di estorsione cada.
Per questo è importante affidarsi a chi sa cosa cercare e possiede i mezzi necessari per documentarlo.

Aspetto Giuridico

Che il Difensore possa effettuare indagini difensive “per ricercare e individuare elementi di prova a favore del proprio assistito”, lo dice l’articlo 327 bis codice di procedura penale, introdotto dall’articolo 7  L. 397/2000.
Come il Difensore debba operare quando esegue una indagine difensiva, è oggetto degli articoli da 391 bis a 391 decies codice di procedura penale, costituenti il titolo VI bis del Libro V del Codice di Procedura, Titolo introdotto “in blocco” dall’art. 11 della predetta Legge. Ma è oggetto anche delle “Regole di comportamento del penalista nelle investigazioni difensive” approvate dall’Unione delle Camere Penali Italiane il 19.01.07 e degli artt. 14 e 52 (in particolare) del Codice Deontologico Forense.

Fydelia Investigazioni al Servizio della Vostra Sicurezza in tutta Italia.